Google Nest Mini: revisione, test e configurazione

A seguito di un'offerta promozionale di Google, come milioni di persone in tutto il mondo, sono stato in grado di ottenere gratuitamente l'altoparlante collegato Google Nest Mini. Ecco il mio feedback, così come i miei consigli per configurare correttamente questo diffusore.

In questo articolo, ti do la mia opinione su questo oratore che Google è riuscita a imporre a milioni di persone con questa bella impresa di marketing. Spiego anche come configurarlo, in modo da sfruttarlo al massimo, senza fornire tutti i tuoi dati personali a Google.

Presentazione di Google Nest Mini

L'altoparlante Google Nest Mini non è solo un altoparlante. In realtà è un altoparlante collegato che funge da assistente.

Ti consente di ascoltare musica, impostare un allarme, conoscere il tempo, ottenere informazioni sugli eventi attuali e anche controllare gli oggetti collegati della casa, se compatibili.

In termini di caratteristiche, questo altoparlante ha tre pulsanti a sfioramento: Volume Plus, Volume Meno e Riproduci / Pausa. La custodia è alta 42 mm e 98 mm di diametro, del peso di 181 g. Ha delle spie che servono a sapere se l'Assistente è attivo o meno.

Google Nest Mini ha un processore ARM 64-bit 1.4 GHz Quad-core, tre microfoni ultra sensibili e un pulsante fisico sul lato per abilitare / disabilitare i microfoni.

È disponibile a 59 euro sul Google Store (link alla scheda prodotto).

Google ha offerto uno ai suoi abbonati Youtube Premium.

Il mio feedback

Dopo diversi giorni di test, devo dire che non sono deluso da questo oratore. Non sapevo davvero cosa aspettarmi prima di utilizzare questo prodotto, quindi sono stato guidato dalla sua funzionalità per testarlo.

Il recinto è piuttosto ben studiato, nonostante alcuni lievi difetti. Ecco il riassunto dei punti positivi e negativi.

Punti positivi

  • Google Nest Mini funziona tramite Wi-Fi, quindi non esiste un limite di distanza tra il telefono e l'altoparlante. Entrambi i dispositivi devono tuttavia trovarsi sulla stessa copertura WiFi.
  • Un interruttore fisico sull'altoparlante consente di attivare / disattivare meccanicamente il riconoscimento vocale.
  • L'altoparlante è in grado di ascoltare e distinguere i suoni oltre che un essere umano (se non addirittura migliore). È possibile chattare con l'altoparlante per più di 3 o 4 metri senza alzare la voce, se il suono non è troppo forte. O anche essere in una stanza accanto.
  • C'è una tacca sul retro dell'altoparlante in modo da poterlo collegare a una parete con una vite.
  • Grazie alla funzione Voice Match, l'altoparlante è in grado di distinguere le voci dei diversi utenti per offrire loro un'esperienza personalizzata. Questa funzione può essere attivata / disattivata nelle impostazioni dell'app Google Home.
  • È possibile inviare (trasmettere) l'audio all'altoparlante da uno smartphone, un tablet, un computer o qualsiasi altro dispositivo collegato al proprio account Google e che si trova sul stessa rete domestica (wifi)
  • L'altoparlante può funzionare in completa autonomia (senza smartphone o altro dispositivo) quando configurato sulla rete.
  • È possibile trasmettere un video dal PC o dallo smartphone all'altoparlante. Più informazioni

Punti negativi

  • Troppo invasivo: il recinto richiede molte informazioni personali. Questo oratore è fatto per essere il tuo miglior assistente personale, quindi Google deve sapere molto su di te, i tuoi gusti e le tue abitudini per essere pertinente.
  • L'altoparlante funziona con Wifi, quindi è impossibile utilizzarlo in un luogo senza Wifi. Inoltre, se lo porti agli amici, dovrai rifare tutta la configurazione di rete dell'altoparlante.
  • L'altoparlante deve essere collegato all'alimentazione, non c'è batteria. Detto questo, una volta trovata la posizione ideale per collegare l'altoparlante, ciò consente a un utente senza limiti di tempo. Ciò rende Google Nest Mini disponibile 24 ore al giorno.

Disimballaggio e prima configurazione

Nella confezione troverai l'altoparlante, il cavo di alimentazione e una guida rapida per l'utente.

Accessori Google Nest Mini

Per configurare e utilizzare il tuo nuovo altoparlante, procedi nel seguente modo

  1. Collegare l'altoparlante alla rete elettrica tramite il cavo di alimentazione.
  2. Scarica e installa l'app Google Home se non l'hai già fatto. Questa applicazione, disponibile su Android e iOS, consente di configurare e gestire i dispositivi collegati.
  3. Nell'applicazione, aggiungi una casa (è uno spazio virtuale in cui puoi aggiungere tutti i tuoi dispositivi connessi). Quindi in questa casa, aggiungi l'altoparlante e configuralo. Prenditi il tempo per leggere attentamente ogni opzione per essere sicuro che l'applicazione soddisfi le tue esigenze in termini di funzionalità e riservatezza.

Ulteriori informazioni: Configura Google Nest Mini - Step by step (articolo a venire)

Iscriviti alla newsletter in fondo a questa pagina per essere informato quando l'articolo è pronto 😉

Bonus: suggerimento di comandi vocali

Per farti un'idea migliore di questo oratore e di ciò che offre o per scoprire nuove funzioni offerte dall'Assistente Google, ho testato diversi comandi per te. Ecco quelli che funzionano e quelli che non funzionano ancora.

Ordini relativi a: volume | musica | radio | calcolatrice | vario

Controllo del volume

Attiva l'audio ➙ Questo mette il suono a 100%

Impostare il volume su 25%

Impostare il volume su 7 ➙ È possibile regolare il volume con un numero compreso tra 0 e 10. Nel nostro esempio, 7 corrisponde a 70% del volume massimo.

Abbassa il suono di 50% ➙ Questo dimezza il volume

Moltiplica / Dividi il volume per 3 ➙ “Oulalalala, je passe mon tour pour cette fois, mais j’apprends de mes erreurs”.

Aumenta / Riduci il volume di 20 decibel ➙ “Ça ce n’est pas dans mes cordes, mais j’apprends de mes erreurs”

Musica e radio

Cambia musica

Fammi ascoltare Bob Marley

Stop / Riprendi la musica ➙ Arresta / ripristina la musica

Metti della musica che mi piace ➙ Funziona nel mio caso. Immagino che funzioni solo se Google ha già appreso le tue preferenze musicali dall'uso dell'app Google Play Music.

Qual è il nome di questa musica? ➙ “Vous écoutez actuellement (nom de la musique) de (nom de l’artiste)”

Mi piace questa musica ➙ “J’ai noté que vous aimez ce type de contenu”

Cosa posso ascoltare?

calcolatrice

Qual è il risultato 14 volte 2 ➙ “14 fois 2 font 28”

Funzioni varie

Sei una persona pericolosa? ➙ “Je me décrirai plutôt comme quelqu’un d’utile et de serviable”

Sai leggere libri? ➙ “Il n’y aucun livre audio dans votre bibliothèque Google Play Livre, vous pouvez en acheter un sur le Google Play Store”

Perché esisti? ➙ Sono qui per aiutarti

Puoi ripetere? ➙ “Pas de problème”, puis elle répète ce qu’elle a dit en dernier

Ti piace qualcuno ➙ “J’aime me rappeler ce conseil de William Shakespeare : Ama tutti, fidati pochissimo; non ferire nessuno.

Dati tecnici

Qual è la distanza ideale per parlarti? ➙ “Je ne vois pas comment vous aidez, pour tout vous dire”

Quanto lontano dovresti parlare? ➙ “Et là, c’est le bug”

Posso scollegarti? ➙ “Aïe aïe aïe, vous me posez une colle”

conclusione

La Google Nest Mini est fascinante et présage de bonnes choses. Elle est un assistant hors norme et plutôt pratique. Elle est déjà pleine de potentiel malgré quelques petites lacunes. L’enceinte le répète quand elle n’a pas compris une question : “Je ne suis pas parfaite, mais je m’améliore jour après jour”. Elle est très pratique pour écouter et contrôler sa musique, ainsi que pour faire d’autres tâches sans avoir le regard fixé sur son téléphone.

Malgré tous ces points positifs une chose me dérange dans ce type d’enceinte : c’est l’intrusion totale dans la vie privée. Pour fonctionner correctement et proposer autant de fonctionnalités, la Google Nest Mini est obligée d’être ancrée dans la maison et dans le quotidien de l’utilisateur. Elle doit écouter en permanence ce qu’il y autour d’elle, pour pouvoir vous répondre quand vous lui parlez. Notez que seules les commandes vocales dites après le “OK, Google” sont sauvegardés dans votre historique personnel. Vous pouvez désactiver ou supprimer les sauvegardes vocales sur myactivity.google.com, en décochant l’option “Includi registrazioni vocali e audio“.

Più sa di te, più sarà funzionale e pertinente. Ma senza questa intrusione nel nostro spazio personale, tutti i servizi offerti dal relatore non sarebbero funzionali e Google Nest Mini sarebbe solo un oratore tra molti altri.

Preferisco fidarmi di Google e non credo che i dati raccolti verranno utilizzati per scopi non validi. Tuttavia, anche se Google è molto sicuro e trasparente per quanto riguarda i dati raccolti e il loro utilizzo, non esiste alcun rischio zero. Se un hacker o un governo riescono ad accedere ai suoi dati, potresti anche essere esposto. Tutti questi dati raccolti forniscono informazioni sufficienti per rintracciare la tua vita e sapere chi sei: abitudini, cronologia dei comandi vocali, preferenze, cronologia delle posizioni GPS, ecc.

Dimmi cosa ne pensi del concetto di questo oratore nei commenti 😉

Circa l'autore

Romain
Romain
Sono molto interessato alla tecnologia, alla musica, alle questioni ambientali e a vari altri argomenti. Sviluppando il blog Current Trends, il mio obiettivo è condividere con voi le mie conoscenze, le mie scoperte ei miei consigli sui vari argomenti che mi affascinano. Lasciami commenti, mi aiuta a migliorarmi e mi rende felice: D

20 € offerti sui tuoi prodotti biologici francesi

Ottieni uno sconto di 20 € sui tuoi prodotti biologici francesi

Ti è piaciuto questo contenuto?

Aiutaci a migliorare la qualità dei nostri articoli raccontandoci i tuoi suggerimenti

20 € offerti sui tuoi prodotti biologici francesi

Ottieni uno sconto di 20 € sui tuoi prodotti biologici francesi

Aiutaci

Supporto
notiziario
abbonarsi
Notifica di
ospite

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commentaires
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Aggiungi le tendenze attuali nelle tue applicazioni

Crea un collegamento
×